Navigazione veloce

Una data da ricordare: 25 novembre 2017, giornata contro il femminicidio.

Sabato mattina gli alunni e le alunne dell’Istituto Comprensivo di Moretta si sono recate presso piazza IV novembre

   

Sabato mattina gli alunni e le alunne dell’Istituto Comprensivo di Moretta si sono recate presso piazza IV novembre dove si teneva l’inaugurazione di una panchina molto speciale, colorata di rosso per ricordare le numerose donne uccise da amori folli e malati. In coincidenza con la giornata mondiale contro il femminicidio il Comune, la Scuola Secondaria e cittadini morettesi hanno voluto prendere parte alla significativa iniziativa organizzata dall’Unitre locale e dall’associazione “Mai + sole”, che si occupa di sostenere le donne vittime di violenza. Alcune alunne delle classi hanno commentato versi della poetessa Alda Merini e hanno voluto leggere i commenti scaturiti dalla riflessione con le loro insegnanti su un tema così pressante e attuale. Le donne uccise in Italia dall’inizio dell’anno sono 114 e rivelano un fenomeno in continua crescita. La partecipazione delle classi a questa iniziativa è un’esperienza positiva e prosegue le attività condotte nelle lezioni, volte a favorire l’educazione, fin da piccoli, al rispetto delle diversità e al riconoscimento delle pari dignità sociali.

Alcune frasi scelte e commentate dagli allievi/e delle due classi prime:

I A: “Devo liberarmi del tempo e vivere il presente giacché
        non esiste altro tempo che questo meraviglioso istante”
 
E’ importante vivere l’istante presente perché le donne, che in quell’istante subiscono violenza, possano essere aiutate per avere un futuro migliore. inoltre è essenziale che le donne dimentichino il passato per vivere meglio il futuro.
 
I C: “L’unica maschera concessa nella vita
        è nascondere il proprio dolore dietro a un sorriso”
 
Rappresenta quanto le donne riescano a sopportare e quanto siano forti. Le donne riescono a nascondere il dolore che provano con un sorriso. Le donne si tengono tutto dentro perché hanno paura dei giudizi altrui e si vergognano.
 
Altre frasi scritte dagli alunni della classe III C
“Tutte le donne nascono principesse
  poi la vita le addestra guerriere”
 
  • Abbiamo scelto questa frase perché la società ha finalmente permesso alla donna di ottenere una maggior dignità per se stessa, cercando di conquistare un diritto più equo.
  • Femminismo significa accettare le donne per le loro diversità.
  • Ci auguriamo che tutte le donne del mondo diventino guerriere e lottino sempre in nome del proprio valore, della propria diversità e dei propri diritti.

La classe II C ha raccolto le riflessioni su un cartellone; eccone alcune immagini.