Navigazione veloce

Contro la violenza sulle donne: la Secondaria di I° c’è!

       

Anche l’Istituto Comprensivo ha voluto partecipare sabato 24/11 alla Manifestazione organizzata dall’Unitre di Moretta  per ricordare la Giornata internazionale contro la violenza e la discriminazione verso le donne di tutto il mondo. L’iniziativa mirava a promuovere azioni  e riflessioni per sensibilizzare l’opinione pubblica su questo terribile dramma che in questi ultimi anni si è acuito sempre di più. L’idea proposta dal gruppo morettese è stata quella di colorare di rosso un centinaio di scarpe e sistemarle in alcuni luoghi di  Moretta per rendere visibile, con un simbolo purtroppo diventato famoso, la marcia silenziosa di donne assenti o nell’impossibilità di esprimere la loro sofferenza.

Le classe seconde hanno inquadrato il problema, fornendo dati utili a comprendere l’entità delle violenze e hanno spiegato l’origine delle scarpe rosse e l’inizio della protesta. Altri allievi/e hanno poi letto gli acrostici che hanno creato e ne hanno lasciato uno significativo sulle falde di un ombrello bianco.

Le classi prime hanno scelto poesie e frasi celebri ed elaborato un componimento per riflettere sul disagio. Le hanno  recitate di fronte alla panchina rossa, inaugurata proprio l’anno scorso. Le parole lette hanno aiutato gli astanti a comprendere l’importanza di essere diversi e come sia necessario il rispetto e l’accettazione dell’altro.

Infine, le classi terze hanno letto il loro contributo di fronte al Municipio, luogo in cui si è conclusa la manifestazione. Le ragazze o i ragazzi dell’ultimo anno hanno rielaborato la storia di due donne vittime delle aggressioni degli ex compagni, Lucia Annibali e Gessica Notaro e hanno riflettuto sul significato del termine amore, troppo spesso usato in modo distorto per giustificare un sentimento malato.

Il nostro Istituto ha a cuore la parità di genere e il rispetto reciproco e con questa manifestazione ha voluto cogliere l’occasione per coinvolgere attivamente gli allievi/e a riflettere sul concetto di violenza di genere e lotta agli stereotipi, per stimolare in loro una reale consapevolezza dei concetti di parità e rispetto reciproco necessari al contrasto della violenza contro le donne.

Ancora una volta, dopo la celebrazione del 4 novembre che ha visto coinvolti i ragazzi delle quinte elementari e della terza media, la collaborazione con associazioni e Comune morettese ha avuto esito decisamente positivo. Del resto, come ribadito dal Presidente dell’Unitre Signora Marchisio Piera e dalla vicesindaco Signora Elena Bollati, è attraverso l’educazione fin da piccoli che si promuove un atteggiamento rispettoso ed improntato alla convivenza civile.